Piatti Maltesi

Bebbux…..e una tradizione Maltese

Oggi è Venerdi Santo.
Come ben sapete, tramite il mio blog, mi piace farvi conoscere alcune tradizioni della mia terra.
Malta è un’ isola dove la religione è molto diffusa. In ogni piccolo paese ci sono almeno una decina di chiese e chiesette.
In questo periodo di quaresima, e’ usanza che il mercoledi ed il venerdi sono i giorni di magro, dove  non si mangia carne di nessun tipo. Ricordo che quando eravamo piccoli ci dicevano di non mangiare nemmeno i dolciumi, come astinenza, in modo da ripagare ai piccoli peccati……
Poi arriva il Venerdi Santo, ed iniziano i festeggiamenti. Ogni città, a partire dal primo pomeriggio, inizia tutte le processioni devozionali, dove tutti i fedeli camminano dietro tutte le statue che rapresentano la passione di Cristo,  c’è anche chi sceglie di camminare scalzo o con le catene ai piedi come pegno. Oltre alle statue ci sono molti che si vestono di centurioni romani, e di tutti gli altri personaggi che  rappresentano la storia. Le strade sono stracolme di persone, ansiose di vedere queste processioni.

Ora
passiamo alla ricetta di oggi che ci lega a questa giornata. Essendo un
giorno dove non si mangia la carne, un piatto tipico della tradizione
di questo giorno è il Bebbux. si può dire che in ogni casa che vai il venerdi santo trovi questo piatto!
ma ora voi mi dite, ma Bebbux cosa è??!!
Bebbux = Lumache

E si, il piatto di questo giorno sono le lumache. C’è chi li fa scaldati e conditi con olio e aglio, c’è chi
li fa con il sugo e c’è chi li fa stufati. Io oggi vi propongo la
migliore ricetta (secondo me), quella di mia mamma, che ha ereditato a sua volta da mia nonna.

Per prima cosa, le lumache vengono raccolte dopo le prime piogge autunnali a metà Ottobre.
Poi appena raccolte, devono essere conservate in una gabbia con la rete molto piccola, (per evitare che evadano per alcuni giorni), in
un luogo fresco e all’ombra e spurgarli. Questo significa che le
lumache devono stare a digiuno 🙂 in modo che liberano tutta la terra da
dentro  il loro intestino. Almeno 15 giorni!

Quando arriva il giorno che li dovete cucinare, armatevi di buona pazienza perché la cosa è lunga.
Per prima cosa, lavateli con acqua salata, bene, una per una. Ripetete quest’ operazione per almeno 3 volte!

Ora in una pentola bella capiente, portate ad ebollizione l’acqua, salate e   aggiungete le lumache.
Fate bollire fino a quando le lumache sono cotte. Per verificare se le lumache sono cotte, rimuovete la lumaca dal guscio, se si stacca facilmente, significa che sono cotte!

Altri ingredienti;

patate
pomodori ramati
menta
basilico
sale
pepe
cipolla
aglio
olio evo
acqua
vino bianco

Sbucciate le patate e tagliate in  a cubetti grossolani,(se la grandezza della patata è media basta dividerla in 4).

In
una teglia rettangolare abbastanza grande, affettate la cipolla e
l’aglio e disponete sulla base. Adagiate sopra le patate, il pomodoro
tagliato a dadini piccolini, la menta e il basilico, sale e pepe.

Ora adagiate sopra le lumache con tutti i gusci, altro pomodoro a dadini, e altra menta e basilico.
Versate un bicchiere di vino, e allungate con altra acqua fino a che le patate non sono  coperti  a 3/4.

Ricoprite con la carta alluminio e infornate per circa 30 minuti, fino alla cottura delle patate  a 200°.

Con questo piatto della tradizione Maltese partecipo al contest di Ale; I cook International

 

A presto con altre ricette di Pasqua.

Terry

E fino qui abbiamo cotto le lumache, ora passiamo alla completazione del piatto.

(Visited 431 times, 1 visits today)

5 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.