Secondi Piatti

Costolette d’agnello impanate e Couscous profumato alla menta

 

Pasqua è alle porte… l’agnello è un piatto tradizionale da servire
durante il pranzo pasquale, ma si finisce sempre per cucinarlo nel modo
classico cioe’ al forno con le patate, che per carita’ è buonissimo, ma a
me piace cambiare e provare cose nuove.

Oggi vi propongo questa ricetta, le costolette d’agnello con una
panatura dove si racchiudono tutti i profumi mediterranei accompagnate
da un coucous altrettanto fresco e leggero.

Ecco la ricetta;

8 costolette d’agnello
50g di burro
100g di pangrattato
50g di parmiggiano
2 spicchio d’aglio
50g di olive nere taggiasche
alcune foglie di  menta fresca
sale e pepe

In una padella antiaderente fate sciogliere il burro, rosolate le costolette d’agnello un minuto per lato, salate e pepate. Togliete dal fuoco e mettete da parte.
In una ciotola, mescolate il pangrattato, il parmiggiano, l’aglio schiacciato, le olive sminuzzate e la menta tritata.
Prendete le costolette che saranno abbastanza unte con il burro e passatele nella panatura, premendo per bene in modo che la costoletta viene rivestita uniformemente.
In una teglia da forno versate un filo d’olio, adagiate le costolette e finite la cottura in forno per circa 10 minuti a 180°.

Per il couscous;

200g di couscous precotto
50g di olio evo
abbondante menta fresca
50g di pistacchi
sale e pepe

Cucinate il couscous seguendo  le istruzioni riportate sulla confezione. Tritate i pistacchi in modo grossolano e lasciate da parte. Lavate e asciugate bene le foglie di menta, versatele dentro il frullatore con un pizzico di sale, iniziate a frullare. Con il frullatore in azione versate l’olio a filo, continuate a frullare fino ad ottenere  una consistenza leggermente cremosa simlie ad un pesto.
Unite il tutto al couscous inseme ai pistacchi.

A presto

Terry

(Visited 272 times, 1 visits today)

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.